Indice




descargar 471.83 Kb.
títuloIndice
página2/17
fecha de publicación28.01.2016
tamaño471.83 Kb.
tipoDocumentos
med.se-todo.com > Biología > Documentos
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   17

ITALIANO



Introduzione


Si è abituati a pensare a compartimenti stagni, stagni poiché il pensiero autonomo e un proprio e reale spirito critico, una volta toccate le pareti del compartimento, si sentono come in uno stagno; cercano di andare oltre, cercano di collegare tutte le categorie, come si faceva ai tempi in cui un filosofo era anche matematico, ma anche medico. E' vero abbiamo molte ma molte più nozioni e storia rispetto a 2000 anni fa, ma questo non giustifica la negligenza nella mancanza di curiosità e voglia di approfondire qualcosa al di fuori di una data categoria, e soprattutto L'avere dei dogmi per trovare conforto in certezze che non esistono, non prendendo per nulla in considerazione il “divenire” della realtà o, usando le parole di Eraclito, il <<pánta rêi>>, ossia che “il tutto” scorre, e quindi non dando nulla per certo, se non l’unica probabile cosa certa, che il continuo mutamento sia alla base di quasi tutto.

Che il continuo naturale evolvere dell’uomo, sia alla base di tutto. Bisognerebbe partire sempre da questo presupposto. Si può rendere più semplice ciò, scegliendo un tema che più si ha la voglia di approfondire e cercare di guardarlo da tutti i punti di vista, per poi trarre delle proprie conclusioni, o comunque delle riflessioni, che in nessun altro se non in se stessi, possono aver luogo.

Questo lavoro è stato formulato per riflettere sul tema dell’alimentazione e del suo nesso con le malattie; tema, al giorno d’oggi quanto mai confuso e intriso “verità non verità”. Un lavoro, questo, che si concentrerà maggiormente nel dare alcuni stimoli sui quali riflettere. Le varie considerazioni che una persona può fare negli anni e le motivazioni del perché le faccia sono estremamente soggettive, ma se ci si focalizza su un qualcosa se ne troverà il suo punto di partenza e un filo conduttore quanto più logico possibile, al quale non necessariamente spetti una fine con delle conclusioni certe. Questa tesi si svolge intorno a questo pensiero, focalizzandosi maggiormente su quali siano i reali punti di partenza di un’analisi (poiché oggi, forse ci si concentra troppo su quale sia la meta più che la partenza ed il viaggio in sé per sé). Come forse ci si è concentrati troppo a lungo nell’esaminare un alimento singolo perdendo di vista l’uomo. Quello che si è cercato di fare in questo lavoro è di discutere dei vari tasselli che portano a riflettere su cosa sia giusto mangiare per il nostro specifico organismo, non considerando un determinato alimento, come generalmente si fa, determinandolo benefico, o meno, in sé. Si faranno solo accenni ad alcuni argomenti come il DNA, sui quali, qualora si volesse approfondire la riflessione si potrà facilmente farlo. Verranno spiegati invece più nel dettaglio certi elementi considerati più rilevanti in questo ambito, come ad esempio il “sangue”, le “lectine” contenute negli alimenti, come si aggregano ai nostri SPECIFICI “antigeni”, e come questo comporti il fenomeno “dell’agglutinazione” spesso dannoso per il nostro corpo, e come con il passare del tempo, questo processo può indurre a sviluppare patologie gravi, ma soprattutto le patologie da cui, si guardi “il caso”, questo secolo è maggiormente colpito, “il male del secolo”, appunto, ossia il cancro. Infatti si discuterà principalmente su quale sia la connessione tra alimentazione, sistema digestivo, e quindi immunitario, in maniera molto semplificata, per far sì che questo lavoro abbia uno scopo più divulgativo, che solo scientifico; poi si entrerà più nello specifico per far scaturire una personale curiosità verso se stessi, sviluppando di conseguenza uno spirito critico verso la propria salute, per arrivare a cercare di ragionare con il proprio medico, non affidandosi a quest’ultimo in ogni decisione sulla propria vita. Tutto questo nel tentativo di attivare il desiderio di approfondire gli argomenti trattati per poter rifletterci in maniera autonoma.

Questo elaborato parte dalla grande intuizione avuta da James D’Adamo, padre di Peter J. D’Adamo, il quale ha pubblicato un libro intitolato “Alimentazione su misura”, “Eat for/4 your type” , pubblicato il primo giugno del 1997, nel quale spiega in maniera approfondita la storia del genere umano e la sua evoluzione dal punto di vista dei gruppi sanguigni, stabilendo per questi ultimi una dieta “ad hoc”, sviluppata dividendo gli alimenti in categorie, (le tabelle sono indicate nel libro), per spiegare in maniera approfondita il perché certi alimenti siano benefici, neutrali o da evitare per un dato gruppo sanguigno. Peter D’Adamo ha delle intuizioni geniali, e qualora leggeste il suo libro sicuramente vi ritrovereste in quel che afferma sul vostro gruppo sanguigno. Questo libro sarà il punto di partenza di questa tesi per sfociare in una sempre maggiore soggettività, cercando di capire e capirsi, senza arrivare a verità assolute, ma a verità parziali, e con l’aiuto di esse imparare ad ascoltarci maggiormente, cercando di essere consapevoli di sé stessi nel lungo o breve percorso che è la vita, nel suo immenso valore ma anche nel suo impetuoso, perenne, continuo mutamento e divenire.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   17

similar:

Indice iconÍndice Índice 1 Introducción 2 Desarrollo 3 Conclusiones 4

Indice iconIndice

Indice iconIndice

Indice iconÍndice

Indice iconÍndice

Indice iconIndice

Indice iconÍndice

Indice iconIndice

Indice iconÍndice

Indice iconÍndice


Medicina



Todos los derechos reservados. Copyright © 2015
contactos
med.se-todo.com